Tu sei qui : Homepage > Notizie

Notizie
Ulss 20 Verona Regione Veneto

Informazioni sulla notizia

mer 25 marzo 2015

Il Pharmaceutical Care valore aggiunto alla dispensazione per conto (DPC)

E’ giunto al secondo anno il progetto “Pharmaceutical Care: un valore aggiunto alla dispensazione dei farmaci in DPC”,  voluto e finanziato dall’Ordine dei farmacisti di Verona, in collaborazione con il Dipartimento farmaceutico dell’ Ulss 20. Grazie ad una borsa di studio triennale, assegnata ad una giovane farmacista, si sono potuti sviluppare degli strumenti informativi per i pazienti e per il farmacista sui farmaci della DPC ovvero la dispensazione per conto, farmaci cioè acquistati dall’ ULSS e distribuiti al paziente dalle farmacie territoriali. Con il termine Pharmaceutical Care s’intende la dispensazione responsabile della terapia farmacologica. L’informazione all’atto dell’erogazione del farmaco è parte integrante del processo, in quanto elemento qualificante e indispensabile per migliorarne il suo utilizzo e, possibilmente, l’adesione alla terapia. I farmaci erogati nell’ambito della distribuzione per conto rappresentano un gruppo selezionato di medicinali, molti dei quali di recente immissione in commercio e considerati innovativi, che, nella maggior parte dei casi, sono destinati all’uso cronico o comunque ad essere assunti per periodi prolungati e per i quali si è ritenuto prioritario  sviluppare un progetto di Pharmaceutical Care che preveda un’attività d’informazione al paziente e di formazione per il farmacista. E’ fondamentale per il farmacista che esercita la professione presso farmacie aperte al pubblico poter accedere ad un’informazione obiettiva sui nuovi farmaci e disporre simultaneamente di uno strumento chiaro e comprensibile per comunicare le criticità più rilevanti del farmaco dispensato al paziente. Questa attività, più vicina al counseling che all’atto informativo puntuale, permetterebbe di riscontrare eventuali problemi di sicurezza sui quali, in particolare nel caso di pazienti pluritrattati, è possibile incidere per migliorare la sicurezza d’uso dei medicinali assunti. Durante la prima fase del progetto, nel 2014, sono state prodotte le “Schede Farmaco” per quelle classi di farmaci in dispensazione per conto di maggior utilizzo.Tali schede sono degli strumenti informativi pensati per rendere più comprensibile al paziente le informazioni contenute nel foglietto illustrativo, semplificando per il farmacista la comunicazione col paziente e l’identificazione di eventuali interazioni. Le schede prodotte (49 per il paziente, 49 per il farmacista) corrispondono ai gruppi terapeutici di maggiore impiego in DPC, ossia  gli anticoagulanti orali e i nuovi antidiabetici, gli  antiaggreganti, antipsicotici atipici e i farmaci per il carcinoma alla prostata. Il secondo modulo del progetto, ad oggi in fase di attuazione, ha previsto lo svolgimento di quattro corsi rivolti ai farmacisti della provincia di Verona. I primi due corsi accreditati e organizzati dall’ULSS 20, sempre in collaborazione con l’Ordine dei Farmacisti di Verona, hanno avuto come argomento i nuovi anticoagulanti orali.
“Mi ritengo particolarmente soddisfatto del progetto, dice il Dott. Massimo Martari, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Verona che rappresenta  1.161 iscritti. L’Ordine ha fortemente voluto questo percorso per mettere a disposizione dei colleghi un pratico strumento che consenta, in modo semplice ma professionale, di fornire tutte le informazioni agevolando e semplificando la fornitura ai pazienti nel momento della distribuzione di questi farmaci così particolari”.
Verona,25 marzo 2015

Fonte: Ufficio Stampa