Tu sei qui : Homepage > Notizie

Notizie
Ulss 20 Verona Regione Veneto

Informazioni sulla notizia

ven 14 ottobre 2016

Sicurezza sul lavoro: gratuiti accertamenti medici e formazione per i lavoratori autonomi del comparto edilei

Gli SPISAL delle ULSS della provincia di Verona, in collaborazione con le associazioni di categoria, hanno avviato il progetto dal titolo “Emersione delle malattie professionali nei lavoratori autonomi del comparto edile”, finanziato dalla Regione Veneto e rivolto ai lavoratori autonomi del comparto edile della provincia di Verona. Il progetto è rivolto a lavoratori autonomi del comparto edile residenti nella provincia di Verona con l’obiettivo di promuovere la cultura della tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro attraverso azioni di formazione specifica e di sorveglianza sanitaria favorendo l’emersione della malattie professionali per contrastare le attuali diseguaglianze di tutela che pongono questa categoria di lavoratori in una posizione svantaggiata rispetto ai lavoratori edili dipendenti. 
Il progetto si rivolge  ai lavoratori autonomi del comparto edile residenti nella provincia di Verona e offre loro gratuitamente un corso di formazione sulla sicurezza e l’effettuazione di accertamenti sanitari mirati ai rischi cui sono esposti durante l’attività lavorativa. Per il biennio 2016 - 2017 è prevista l’effettuazione di un totale di 200 visite mediche e l’erogazione di almeno due corsi di formazione sui temi della sicurezza in cantiere edile, organizzati in aula con la presenza al massimo di 25 - 30 lavoratori. Gli accertamenti sanitari comprenderanno la visita medica, l'audiometria, la spirometria, l’elettrocardiogramma, la misurazione nel sangue dei livelli del glucosio e del colesterolo totale per la stima del rischio cardiovascolare. A conclusione del percorso il lavoratore riceverà un attestato di avvenuta formazione, una relazione sul proprio stato di salute e, su richiesta, un certificato di idoneità alla mansione specifica. L’attestato di formazione ed il certificato di idoneità potranno essere utilizzati per attestare il possesso dei requisiti per l’idoneità tecnico-professionale. 
Nel comparto edile i lavoratori autonomi costituiscono una parte importante della forza lavoro. Pur essendo esposti agli stessi fattori di rischio professionali dei lavoratori dipendenti, risultano una popolazione particolarmente svantaggiata in termini di sicurezza e tutela della salute sul lavoro. Presentano infatti una maggior incidenza di accadimento di infortuni gravi e mortali; inoltre per quanto riguarda le patologie di origine professionale esiste un grave problema di sottonotifica: nel periodo 2000 - 2010 in Veneto il numero 
complessivo di segnalazioni di queste malattie è stato pari a 369 nei lavoratori autonomi contro i 6902 nei lavoratori dipendenti. L’attuale normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro prevede per i lavoratori autonomi la facoltà di partecipare volontariamente, con oneri a loro carico, a corsi di formazione specifica e di beneficiare della sorveglianza sanitaria. In mancanza di un vincolante obbligo di legge questi lavoratori raramente frequentano corsi in materia di sicurezza nei cantieri o si sottopongono ad accertamenti di medicina del lavoro. A ciò consegue una mancata diagnosi di patologie professionali con conseguente perdita del diritto di avvalersi della tutela assicurativa da parte dell’INAIL. Per aderire al progetto e prenotare gli accertamenti sanitari il lavoratore può rivolgersi di persona o telefonare all’Ambulatorio di Medicina del Lavoro dello SPISAL di Verona presso il Palazzo della Sanità in Via Salvo D'Acquisto, 7. In alternativa può inviare una richiesta per via telematica all'indirizzo di posta certificata (qualora in possesso di posta certificata) o all’indirizzo e-mail dello SPISAL di Verona. Sul sito web del Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS 20 di Verona è scaricabile un apposito modulo per la richiesta di adesione al progetto.

 







Fonte: Ufficio Stampa